Pietre

In natura non esiste niente di più comune della pietra, tanto che senza questo materiale presente in quasi ogni punto della superficie terrestre non sarebbe stato possibile costruire la maggior parte di quello che ci circonda.
La ditta S.I.G.M.A., Società Italiana Graniti Marmi ed Affini, operante dal 1966, con sede a Pero, si occupa da sempre della lavorazione della pietra.


In termini commerciali viene classificata come pietra qualsiasi roccia, normalmente non lucidabile, di composizione varia, che può essere utilizzata sia come materiale da costruzione che come decorazione, e che non appartiene alle seguenti tre classi:
•    il marmo, che è un particolare tipo di roccia metamorfica;
•    il travertino, che è un ulteriore tipo di pietra dalla formazione alveolare;
•    il granito, altro particolare tipo di roccia facilmente riconoscibile perché molto compatta e omogenea.
Tutto il resto è semplicemente pietra. In effetti ne esistono moltissimi tipi, che vengono suddivise in due gruppi principali: rocce tenere e rocce dure.
Per un neofita possono sembrare tutte uguali o quasi, ed è difficile che sappia riconoscere le differenze, anche se le principali e più note, usate per costruire sono la pietra serena, la pietra leccese e l’ardesia.
1. Pietra serena
La pietra serena è di colore grigio ed è principalmente estratta in Toscana dove è stata utilizzata fin dal più antico passato. Oggi le cave sono quasi tutte concentrate nella zona di Firenzuola, ma anticamente tutta la provincia di Firenze, da Fiesole a Carmignano a Lastra a Signa, erano grandi produttori di pietra serena.
Il punto debole di questa pietra è la scarsa resistenza agli agenti atmosferici se posta in luoghi non riparati, ma molti esempi noti smentiscono questa caratteristica, basta nominare il loggiato degli Uffizi o quello di piazza della Santissima Annunziata. Di grande effetto se usata per gli stipiti delle porte negli interni delle abitazioni, la stanza assume una eleganza particolare che riporta ai fasti del passato rinascimentale.
2. Pietra leccese
La pietra leccese, tipica del salentino, è di facile lavorazione, morbida quasi come il legno, diventa più dura con il passare del tempo. Si estrae da cave a cielo aperto. Anche questa sensibile agli agenti atmosferici, molto di moda nell’epoca del barocco, veniva trattata con del latte per riempire le porosità e renderla più forte. Invecchiando tende ad assumere un colore giallastro, simile a quello del miele.
3. Ardesia o pietra di Lavagna
Per ultima, ma non per importanza, l’ardesia, detta anche pietra di Lavagna, dalla cittadina ligure luogo classico di estrazione, di colore grigio molto scuro, tendente al nero, è conosciuta ovunque per il suo uso più comune, ovvero la costruzione delle classiche lavagne usate in tutte le scuole. Viene utilizzata anche per tetti, gradini e pavimentazioni oltre che per la realizzazione di oggettistica.
Questo breve excursus ha dato solamente un’idea di massima dei vari tipi di pietra e del loro utilizzo.
La S.I.G.M.A., attiva in provincia di Milano, potrà fornire in merito molte più informazioni specifiche.
È una ditta a carattere familiare, fondata da Bruno Arcaro, nella quale sono attivamente impegnati due dei suoi tre figli, Ruggero e Cristiana. È compito loro scegliere e visionare i materiali. Si occupano anche della stesura dei preventivi e della realizzazione degli ordini.
La loro produzione è varia e comprende di tutto un po’ quello che è possibile realizzare con la pietra: dai davanzali alle soglie, ai caminetti, dai piani per il bagno ai pavimenti. Senza dimenticare scale e colonne.
Qualsiasi idea possa scaturire dalla mente di arredatori e architetti, e anche le specifiche richieste dei clienti più esigenti, trovano la S.I.G.M.A. pronta per la realizzazione.
La ditta, fin dalla sua nascita, si avvale di personale altamente qualificato. Inizialmente il lavoro era molto più faticoso, ogni pietra, di qualsiasi dimensione fosse, andava spostata a braccia.
Nel corso degli anni e con l’aumentare della meccanizzazione la ditta ha fatto suoi i macchinari più moderni sia per migliorare le condizioni di lavoro che per velocizzare le varie operazioni. In questo modo gli operai lavorano con maggior passione ed i clienti sono soddisfatti in tempi più brevi.
Nonostante questo la S.I.G.M.A. di Pero non ha mai perso di vista gli obiettivi che sono sempre stati alla base della sua politica aziendale: correttezza, onestà, professionalità e puntualità.
E tutto questo senza dimenticare che la qualità offerta può essere massima anche in presenza di prezzi competitivi.
Bastano queste poche parole a spiegare perché dopo quasi mezzo secolo la Società Italiana Graniti Marmi e Affini di Pero, in provincia di Milano, è ancora un’azienda leader del settore.

power by swi